Antiquarium Arborense - Museo archeologico Giuseppe Pau OristanoAntiquarium Arborense - Museo archeologico Giuseppe Pau Oristano

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Vai al menu del sito



Antiquarium Arborense
Piazza Corrias, 09170 Oristano - Tel: 0783 791262 - info@antiquariumarborense.it

Sezioni del sito:

Vai su


Contenuti

Il retablo di San Martino

Retablo di San Martino

Il retablo appartenne alla chiesa di San Martino, documentata sin dal 1228, ma pervenuta sino a noi in forme di un maturo gusto gotico, simili a quelle delle chiese di S. Chiara in Oristano e della Maddalena presso Silì, riportabili allo scadere della prima metà del Trecento.
Il retablo dovette pervenire a questa chiesa un mezzo secolo più tardi: è infatti ad ambito catalano della prima metà del Quattrocento che va attribuito quest’opera.
Il retablo si componeva in origine di tre tavole, delle quali sono giunte sino a noi quella centrale e l’anta destra.

Il trittico è una tempera con fondo dorato, con colonnine tortili che scandiscono i pannelli pittorici, suddivisi in due scomparti.
Nella tavola centrale in basso è la Vergine che allatta il Bambino, su un trono tra Angeli musicanti; in alto una drammatica Crocifissione, in cui è partitamente narrata l’ultimo atto della passione di Cristo, con il compianto della Vergine e delle Pie Donne, la divisione delle vesti di Cristo, la guardia armata ai crocifissi, l’offerta a Gesù d’una spugna imbevuta d’aceto. Si è rilevato (R. Coroneo) l’originale interesse dell’artista nella rappresentazione del ladrone alla sinistra del Cristo, infitto alla croce in un’ardita posa contorsionistica.
L’anta destra presenta nell’ampio scomparto inferiore un giovane San Martino erto sul suo cavallo, nel momento in cui con la spada ha tagliato un lembo del suo prezioso mantello per rivestire il Cristo-mendico ignudo che in attitudine grata guarda il santo cavaliere. Nello scomparto superiore è narrata la seconda parte della storia del Santo, che, abbandonati i fasti familiari, è consacrato vescovo di Tours sotto le vele di una cappella gotica a crociera, tra quattro vescovi e gli astanti alla cerimonia.

Riconosciuto l’inquadramento del trittico oristanese nella tradizione gotica francese, di ambito catalano, l’opera era stata assegnata, nel 1938, da C.R. Post alla maniera del Maestro di Guimerà e, successivamente, a Ramon de Mur, cui è stato attribuito il retablo di Guimerà.
Ciascuna di queste attribuzioni si è rivelata insoddisfacente, sicché attualmente si preferisce assegnare il trittico oristanese ad un anonimo maestro catalano-aragonese di alta levatura del primo Quattrocento. Roberto Coroneo ha osservato che «a voler salvare l’indicazione d’ambito, bisognerebbe semmai risalire a Mateu Ortoneda, e recuperare un pittore catalano, equidistante da Ramon de Mur e dal Maestro di Cabassers, o la sua controparte aragonese».

Multimedia

Retablo di San Martino: particolare della tavola mediana
Retablo di San Martino: particolare della tavola mediana, la madonna che allatta il bambin Gesù
Retablo di San Martino: particolare della tavola mediana, gli Angeli musicanti
Retablo di San Martino: particolare della tavola sinistra, San Martino dona un pezzo del mantello al Cristo mendico
Retablo di San Martino: particolare della tavola sinistra, staffa e sperone di San Martino
© Antiquarium Arborense - Museo archeologico Giuseppe Pau Oristano
Piazza Corrias, 09170 Oristano  |   Tel: 0783 791262  |   info@antiquariumarborense.it ConsulMedia 2012

Torna su